L'ingordigia delle major

Non c'è più sordo di chi non vuol sentire. A suo tempo, 30 dicembre 2009 il Ministro Bondi estese il decreto sul “legittimo compenso” ai dispositivi “idonei” o “capaci” di memorizzare dati travalicando il concetto espresso originariamente di “destinati a ...”, i consumatori protestarono e fecero presente che si trattava di un'indebito regalo alla SIAE. Ampliare il range della gabella portava a un'ingiustizia macroscopica, tra l'altro le somme in gioco si aggirano fra i trenta e i quaranta milioni di Euro all'anno. Sostenemmo che se già era ingiusto dover pagare sul presupposto che effettuando una copia privata questa fosse in violazione del copyright abnorme era la pretesa di pagare anche su tutto quello che fosse idoneo alla registrazione/archiviazione di dati. Non è assolutamente certo che io acquisti un supporto magnetico per archiviare opere coperte da copyright e men che meno le archivierò sul cellulare o sulla memoria della cassaforte. Non ci fu verso e il Ministro varò il decreto. Il 21 ottobre scorso la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha sentenziato che:"L'art. 5(2)(b) della Direttiva 2001/29 deve essere interpretato nel senso che è necessario un rapporto tra l'applicazione dell'equo compenso per copia privata in relazione ad un dispositivo o supporto ed il suo utilizzo per l'esecuzione di una copia privata, conseguentemente, l'indiscriminata applicazione dell'equo compenso, in particolare, in relazione a dispositivi o supporti distribuiti a soggetti diversi dai consumatori e evidentemente riservati ad usi diversi dall'effettuazione di copie private, è incompatibile con la disciplina europea contenuta nella Direttiva 2001/29". L'industria dei supporti dovrà rifiutare di versare alla SIAE la gabella non dovuta e le Associazioni dei consumatori dovranno chiedere il rimborso di quanto non dovuto. L'ingordigia delle major questa volta gli provocherà una bella indigestione e non sarà nemmeno facile fare giustizia in quanto si tratta di una miriade di piccole somme applicate ad un numero spropositato di oggetti.


Fatal error: Unknown: Cannot find save handler mm in Unknown on line 0